Uomini e Donne

Trono Over 09/02/18 La sindrome di Stendhal

Uomini e Donne: Marco ironizza su Gemma

Si riparte dal finale della puntata di ieri: Il cosiddetto “bacio d’addio” di Rita a Marco fa molto discutere i vari esponenti dei due parterre e innesca le battute ironiche di Gianni e Tina . Oggi si prosegue sul tema ed è Marco a voler dire la sua, rivolgendosi a Rita e non solo: - perché voi donne siete così superficiali e poco profonde? Eppure dovreste avere il compito di insegnare l’educazione sentimentale! – dal parterre femminile si invita Marco a fare gli opportuni distinguo, lui, interpellato al riguardo, dice che Rita gli avrà lasciato il numero di telefono una quindicina di volte ma, pur giudicandola una bellissima donna, non lo ha mai preso troppo in considerazione perché lei stava frequentando Gianfranco. A proposito di frequentazioni si scopre che Valter ora vede Paola e quindi si chiede ad Anna se sia dispiaciuta per questo, lei minimizza sottolineando che in fin dei conti si sono visti solo un paio di volte, ma poi arriva la notizia che riapre un ben noto dibattito: Anna e Giorgio hanno fatto pace. Gianni è subito sarcastico: - eh…quando c’è il sentimento…- mentre a Gemma proprio non va giù che in quella circostanza Anna abbia parlato al telefono anche con la mamma di Giorgio: - io invece sono rimasta sul cancello di casa!

Anna
Anna

Ma quand’è che tirate fuori tutta questa vicenda dall’inizio? – Maria: - stai dicendo che hanno una storia? – Gemma: - si!! – Anna è costretta nuovamente alla replica e alla smentita: - sono due anni e mezzo di amicizia sincera! – Gianni vorrebbe usare un termine per indicare un rapporto di amicizia molto stretto, Valter sottolinea che anche l’amicizia è un sentimento e non vede nulla di male in tutto ciò. Gli interventi al riguardo si susseguono e il dibattito si allarga coinvolgendo nuovi partecipanti, come Dorinda che attacca Gemma: - nella vita reale succede che si rompano matrimoni durati anni e anni! Qui fate tutte queste sceneggiate per una storia di qualche mese! Gemma…non ce la faccio più con i tuoi piagnistei! – secondo Marco, Gemma soffre della sindrome di Stendhal, detta anche, guarda caso, “di Firenze”, perché è lì, al cospetto delle meraviglie artistiche della città sulle rive dell’Arno, che si è più volte manifestata (in questo caso l’opera d’arte sarebbe Giorgio?) . Si prosegue: Gianni ora dà ragione a quest’ultima e dice di comprendere il suo risentimento: - però Gemma ha ragione! La mamma di Giorgio non l’ha mai conosciuta!

Dorinda
Dorinda

Non è una cosa bella per lei… - il capitolo si chiude con un ballo: Marco indica Lucy come sua partner e stasera la porta anche a cena. Ida al centro e contributo filmato sull’intricata vicenda tra lei, Riccardo, Sossio e Angelo, più l’ultimo arrivato e quindi aggiunto, Gianluca. Proprio lui fa il suo ingresso in studio e si siede davanti a lei ma ben presto si scopre che le cose tra loro non sono andate benissimo: lei dice che si sono sentiti pochissime volte, lui replica parlando dei tanti impegni di lei e del suo proposito di non essere invadente, sta di fatto che dopo un breve confronto lei lo congeda perché “non è cosa”, quindi ecco Riccardo che sembra ci sia rimasto male proprio a causa del nuovo arrivato e dell’interesse di Ida per lui: - sono stanco di questi tira e molla…ora lui è andato ma magari arriva qualcun altro…- Ida invece è stanca del fatto che lui si rifiuti di svelarle il suo passato, un passato indicato da qualcuno col termine “da donnaiolo” e Gianni si chiede

Ida
Ida

perché lui rischi di perderla pur di non raccontarle un parte della sua vita, ancora Ida afferma di voler essere sicura dell’uomo che sceglierà, mentre Riccardo annuncia di volersi prendere del tempo per decidere sul da farsi, anche perché è risentito con lei visto che “sbuca sempre qualcun altro”, poi domanda: - posso sapere cosa è successo in settimana? – si alza decisa la voce di Angelo: - rispondo io, siamo stati a colazione insieme! Ma comunque non capisco il motivo di tacerle il tuo passato…- Ida conferma: - io e Angelo abbiamo parlato molto, con Riccardo non è successo…- R: - e allora esci con lui! – Angelo continua a non capire i silenzi di Riccardo, lui parla di “argomenti delicati”, Maria chiede a Ida con chi intenda ballare, lei fa il nome del napoletano. Dopo il ballo Gianni dice di aver trovato il termine giusto e adatto alla fascia oraria per descrivere il rapporto tra Giorgio e Anna: - li definirei amici di letto…- Maria si rivolge a Ida: - lo sapevi che ora Riccardo sente Donatella? – lei: - ah ecco…- lui: - non posso? Ti rode? – Ida: - no, per nulla! – Donatella specifica che in realtà per ora non sono neanche usciti insieme,

Gianluca
Gianluca

Ida osserva: - ma Donatella non si sentiva con Thomas? – Maria lo conferma e Ida attacca Riccardo: - tu parlavi di me e di trenini? Invece mi sa che li fate voi…bella coerenza! - . Sossio al centro e ingresso di Melania, accolta da lui con un eloquente sorriso, Tina pronostica che entro la metà di febbraio la storia passerà agli archivi, come le tante altre di Sossio; quest’ultimo tesse le lodi di Melania, “ragazza pulita e di sani principi” con cui ha passato una serata diversa dalle altre, facendo intendere “più casta”; a questa affermazione Tina fa notare alle altre che indirettamente Sossio le sta dipingendo in un certo modo, mentre Donatella è più diretta: - lei ha già ricevuto il tuo book fotografico?- S: - no io mi adeguo a chi ho di fronte…- e Tina: - capito? Si adegua…lei è una ragazza seria, tutte le altre delle poco di buono…- Sossio a questo punto se la prende con Donatella: - non devi rompere le scatole quando sto conoscendo una ragazza! Ma chi ti ha interpellato? – D: - tu hai provocato, hai fatto il fenomeno! –

Donatella
Donatella

Sossio si rivolge a Melania: - eh…ti ci devi abituare…- lei però si dice entusiasta di lui: - voglio conoscerlo senza pregiudizi! – e allora via al ballo, mentre Tina chiosa: - Sossio! In settimana mandaci le foto! Magari in costume? – Via alla diretta facebook con la storia di Vincenzo: inizio degli anni ’80, frontiera di Ventimiglia alle 9 di sera verso la fine di settembre, Vincenzo in viaggio verso Genova alla guida del suo camion e una coppia di ragazzi pressoché in costume da bagno a implorarlo in lacrime di dargli un passaggio, almeno fino a Milano (erano di Pavia). Lui inizialmente è restio ma poi quando la ragazza gli racconta cosa gli è successo accetta di farli salire, in pratica i due, in viaggio alla volta di Marsiglia, fermano la macchina su una duna e vanno a farsi il bagno in mare, quando escono la macchina non c’è più! con essa i vestiti, i soldi, i documenti! L’odissea dei due non finisce lì, tra stazioni di polizia e consolati, poi arriva Vincenzo che li carica, li rifocilla (non mangiavano da due giorni) offre la sua giacca

Melania
Melania

alla ragazza tremante per il freddo e infine si mette in contatto con un altro camionista diretto a Milano (lui era diretto a Piacenza). Ora, a distanza di tanti anni, a Vincenzo farebbe piacere rivedere i due ragazzi ormai adulti e magari anche la sua giacca ormai consunta, l’unica cosa che sa è che il padre della ragazza aveva una ditta di autotrasporti.

Robi C.