C'e' posta per te

C'è Posta per te - Due donne e il loro amore

Puntata del 19/01/19

Maria inizia così: “Tra un mese e mezzo, nel Comune di Siracusa, si celebrerà un matrimonio. Saranno presenti solo i genitori e la famiglia di uno dei futuri sposi, quelli dell’altra parte non intendono assistere e partecipare perché per loro questo matrimonio non dovrebbe essere celebrato. Questo perché a sposarsi non sono un uomo e una donna…bensì due donne.
Denise e Debora entrano in studio accolte da Maria, intimidite, entrambe belle, si accomodano tenendosi per mano.
Maria racconta quello che ha saputo da Denise: - “Sono fidanzata con Debora da due anni e viviamo insieme da uno, tra poco ci sposeremo e sicuramente ci saranno i suoi genitori e anche suo fratello mentre i miei non ci saranno! Mia madre non accetta che io possa amare una donna e mi ha giurato che mai vorrà conoscerla, anzi il giorno del matrimonio lei uscirà di casa con il velo scuro sul volto! Io amo la mia famiglia e il mio sogno è che quel giorno ci siano anche loro. Io non capisco perché mi devo sentire una figlia sbagliata se sono felice amando una donna. Fino al 2016, quando ho conosciuto Debora, io avevo un ottimo rapporto con i miei genitori.”
Maria continua: - L’ultima relazione che Denise ha avuto, con un ragazzo, era durata otto anni. Quando conosce Debora non dice nulla in famiglia aspettando di verificare che i suoi sentimenti fossero seri, reali e duraturi.

C'è Posta per te - Due donne e il loro amore

Dopo pochi mesi ha la conferma che è tutto vero ma non ha il coraggio di confidarsi con la madre. Decide di dirglielo con un sms, non arriva nessuna risposta ma quando la sera fa rientro a casa viene accolta da una reazione esagerata, tutta la famiglia all'unisono la insultava sostenendo che fosse stata plagiata. Le tolgono il cellulare e iniziano a scortarla per gli spostamenti: casa - lavoro – casa. Denise, per non far soffrire i genitori decide di non vedere Debora ma il suo proposito dura poco e la loro relazione ricomincia. La stessa situazione si ripete varie volte fino a quando il padre decide di affrontarla per dirle: “Non ti preoccupare a me puoi dire tutto” ma alla conferma dell’amore della figlia per donna la reazione è che Denise viene cacciata definitivamente da casa. La ragazza va a vivere dai genitori di Debora, tutto va bene fino a quando a settembre Denise viene invitata all'anniversario di matrimonio dei suoi che le chiedono di non far assolutamente trapelare l’esistenza di Debora nella sua vita. Denise va alla festa, evita di usare il cellulare e si comporta come loro desideravano senza ottenere nulla perché alla fine della serata il loro atteggiamento ostile non cambia, continuano a ritenere che stia sbagliando e la considerano indegna di far parte della loro famiglia.

C'è Posta per te - Due donne e il loro amore

A settembre Denise decide di andare a prendere delle cose lasciate dai genitori, si fa accompagnare da sua cugina perché ha paura di un’altra brutta accoglienza ed infatti la madre, dopo alcune spiacevoli frasi, mette l’accompagnatrice in una stanza e ricomincia ad insultare la figlia, l’accusa addirittura di appartenere ad una setta e che loro, ormai, si ritengono genitori di un solo figlio! Da allora tra loro ci sono solo rapporti telefonici ma freddi. Le due ragazze da Siracusa si trasferiscono a Milano, affittano un appartamento e iniziano a lavorare in una gelateria. Il padre e la madre di Denise non sono mai andati a Milano pur di non vedere Debora.
Alla comunicazione del prossimo matrimonio e genitori di Denise rispondono: “Accetteremo solo di vedere te come figlia “sbagliata” ma solo se non pretenderai di farci conoscere la tua compagna. Il no di Denise è categorico ma ai sentimenti non si comanda e un giorno manda una foto alla mamma vestita con l’abito da sposa, sperando di intenerirla. La reazione è anche questa volta esagerata, la madre si sente male, il padre si arrabbia telefonicamente insultandola e la piccola Denise piange al pensiero di aver provocato tutto questo ma soprattutto sta male al pensiero che sua madre soffra nel vederla felice! –

C'è Posta per te - Due donne e il loro amore

Il postino Marcello si trova a Siracusa per consegnare la posta al signor Maurizio, alla signora Mimma e al figlio Gianni. Li trova nella loro abitazione e tutti insieme accettano volentieri l’invito. Lo schermo della busta si apre sul volto di Denise, la mamma fa una smorfia ma quando la telecamera inquadra anche Debora scoppia a piangere e a negare con il capo, Maria si avvicina per chiedere se possono parlare ma, tranne per il papà, il no è categorico per Debora, a Denise è consentito. Dopo un piccolo e imbarazzato messaggio al padre, Debora è costretta al silenzio ma rimane accanto a Denise che inizia così: “Io vorrei tanto che voi accettaste il mio amore per Debora, il matrimonio è un giorno importante, qualche volta il più bello per una ragazza ed io lo vorrei condividere con la mia famiglia, lo so che non è facile accettare che sto per sposare una donna però Debora mi rende felice!” Mimma con aria contrita risponde alle domande di Maria: “E’ difficile, se tu sapessi quanto, non me lo aspettavo, per otto anni è stata con un ragazzo, mi faceva le sue confidenze, eravamo amiche. All'inizio ho pensato fosse una sbandata per Debora ma speravo che si potesse normalizzare nel giro di poco.”

C'è Posta per te - Due donne e il loro amore

Maria: - Quando dici “normalizzare” intendi che speravi di rivedere un ragazzo vicino a lei? – Certo – Lei, questa relazione te l’ha nascosta per paura, infatti vi ha mandato un sms piuttosto che dirvelo guardarvi negli occhi. So che la vostra reazione è stata molto forte, sono volate delle parole e non solo e immagino che di questo siate pentiti – Si, di questo chiedo scusa – Denise ha provato ad interrompere questo rapporto perché tu stavi male, è venuta al vostro anniversario senza far trapelare nulla ma il suo amore è più forte e non ce la fa a rinunciare a lei. Io so che tu, Mimma, sei quella che ne soffre di più di questa relazione, addirittura non hai voluto guardare la sua foto vestita da sposa…o una sbirciatina gliel'hai data? – Sorride la mamma, confermando l’ipotesi di Maria che aggiunge: “Ma se tu sei stata male sappi che anche lei non è stata da meno chiedendosi perché la sua felicità ti provocava tanto dolore. – Perché a me non è piaciuto quando ha reso pubblica la storia, per me è importante la riservatezza e il tempo, cosa che lei non mi ha dato…tutto e subito e poi la compagna che ha a fianco è troppo teatrale, plateale, lei basta che pubblica foto, fotografie fatte nella piazza principale della nostra città e io mi chiedo che bisogno c’era di farsi vedere da tutti mentre si baciano e poi urlare ai quattro venti che tra poco si sposeranno? – Maria risponde: - Quando mi parli di riservatezza ti chiedo: se quella stessa foto l’avesse fatta insieme al ragazzo con il quale stava prima

C'è Posta per te - Due donne e il loro amore

ti avrebbe infastidito così tanto? Usciamo dall'ipocrisia, è il bacio con un’altra donna che ti ha spaventato? – “Mia figlia non mi ha mai fatto pensare che avesse questo tipo di “tendenze” diversamente…e tutto ad un tratto mi porta una ragazza quando io mi aspetto un…” Maria incalza: - Allora quello che ti preoccupa è che alla fine del suo nome c’è una A invece che una O! Ti spaventi per due motivi: “La gente cosa dirà per cui guai ai social e poi ti chiedi cosa le succederà, sarà felice, potrà avere dei figli?
Ora ti devo dare una notizia ferale, quando sono venute a parlarmi in ufficio, io, prima di decidere se fare questa storia, ho chiesto a tua figlia: “Se nella tua vita futura decidessi di lasciare Debora prevedi che dopo di lei ci sarà un Giovanni o una Giovanna? Lei mi ha risposto sicura, Giovanna!” E questo te lo dico perché anche io ho voluto capire se era certa di quello che provava e se era sicura che le piacessero le donne. Quello che voglio dire è che penso che aldilà delle O e delle A ci possa essere un rapporto di affettività, di amore che va oltre la vocale finale. Questo ci sta? – La mamma sorride annuendo e il pubblico applaude – E quindi se tua figlia decide di pubblicare su Face book un bacio con la donna che ama lo fa non pensando di aver messo un pugnale nella pancia di sua madre,

C'è Posta per te - Due donne e il loro amore

semplicemente rispetta l’amore che prova e dimostra la sua felicità sperando che anche tu lo sia! Ma tu non sei felice perché questa cosa ancora ti spaventa – Certo che mi spaventa, mi devo abituare ed è per questo che le ho chiesto del tempo, piano…piano – Maria sottolinea con un sorriso: -Sono passati due anni! Io so che adesso vive a Milano ma voi non siete mai andati a trovarla per paura di incontrare la sua compagna ma immagino che tu ti sia domandata cento volte se sta bene, se hanno i soldi per mangiare, com'è la casa, dico questo perché ogni volta che la guardi piangi ed è evidente che a lei ci tieni tanto e che ti manca. Penso che anche tu manchi tanto a lei anche se quando le ho chiesto chi è della sua famiglia la persona irremovibile Denise mi ha risposto che sei tu! Tuo marito ha meno paura, capisce che non siamo di fronte a un dramma ma che siamo di fronte a una vita che ci auguriamo sia felice. E’ tua figlia quella seduta sul pouf, ti vuole bene come prima e la vicinanza di Debora non l’ha cambiata, forse l‘ha resa più forte, diversa, ma è sempre lei! Insisto perché: presto si sposerà a Milano e poi scenderà a Siracusa per celebrare nuovamente il matrimonio, quello che dà fastidio a te è che tutto il paese ne parli ma se mamma e papà la “schifano” parlerà ancora di più! E poi Denise non vuole che a tutti i costi pranziate e ceniate con Debora vorrebbe solo non essere sola quel giorno in Comune.– La madre insiste dicendo che è presto per sposarsi ma Maria la interrompe chiedendole a che età si è sposata lei…18 anni è la sua risposta.

C'è Posta per te - Due donne e il loro amore

Il pubblico ironicamente applaude, anche Mimma sorride di se stessa. Denise invece si irrita, non ci trova nulla da ridere e continua a chiedere di conoscere la sua compagna che diventerà a breve la sua famiglia. Chiede la possibilità di essere felice quel giorno insieme a loro. Il padre ora si impone invitando le ragazze per il dopo cerimonia a casa, la moglie cerca di reagire ma finisce lì! Maria coglie la palla al balzo e esprime la sua speranza che in questo tempo che manca al matrimonio loro ci ripensino e invece solo di un invito a cena decidano di essere presenti anche alla cerimonia. Mai dire mai! E conclude dicendo : - Certo che tu e tua figlia avete proprio lo stesso carattere “cocciuto”, siete uguali! Ma adesso che facciamo? L’abbracciamo? – “A mia figlia sì!” E’ la risposta di Mimma – E a Debora la vogliamo almeno salutare? Pensa che smacco per la gente a casa! Ti togli una grande soddisfazione, credimi! E al matrimonio poi si vedrà, c’è tempo ma intanto stasera iniziamo a conoscere colei che hai sempre rifiutato. Guarda che non succede niente per una stretta di mano! – La busta scivola via, sorridente la mamma si avvicina alla figlia, l’abbraccia con amore mentre il padre va a stringere la mano di Debora. Anche Mimma stringe fugacemente la mano della ragazza mentre il fratello addirittura la bacia sulla guancia.
Maria sembra soddisfatta e congeda tutti con il suo bel sorriso non facendo differenze nella distribuzione dei baci.

NdR: Il matrimonio è stato celebrato in serenità presenziato dai genitori di entrambe le ragazze.

Gabriella Berni