C'e' posta per te

C'è Posta per Te - Chi poco ha, caro tiene

Puntata 03/03/18

Questa sera immagini misteriose scorrono sul grande schermo dello studio, alcune citazioni si sovrappongono: - 3 Dischi di platino in soli 5 anni – Oltre 8 milioni di fan sui social – 245 milioni di visualizzazioni per i suoi video – Il video “L’isola” ha già superato i 4 milioni di visualizzazioni – Dal 16 maggio “Essere qui tour”- Roma – Milano – Torino – Padova – Firenze – Napoli – Acireale – Si aggiunge una voce fuori campo : “Io sono una persona molto insicura e quindi vivo il mio lavoro come una scusa costante a tutte le mie fragilità, grazie a tutti.” EMMA
Standing ovation in studio per l’ingresso della bella ed emozionatissima cantante, Maria l’accoglie con affetto per poi far entrare una giovane donna, Valeria, e cominciare a raccontare la storia: - Valeria scrive a C’è posta per suo marito Luigi, vorrebbe fargli capire che lo ama ancora : “Una volta mi ha detto una frase che mi ha fatto stare veramente male: - Tu stai con me soltanto perché abbiamo due figlie – Non è così, io sto con lui perché lo amo ma la verità è che è tanto difficile litigare e urlare quando si è poveri. A me sale una rabbia tremenda quando non ho abbastanza cibo da mettere a tavola per i miei figli, mi viene voglia di urlare al mondo la mia paura di perdere anche la casa dove viviamo…vorrei dire al mondo intero che non è giusto! Noi siamo persone semplici, oneste, non chiediamo il superfluo…chiediamo solo la normalità.

C'è Posta per Te - Chi poco ha, caro tiene

Purtroppo il mondo non ti risponde quando gli urli addosso e quindi va a finire che tu ti sfoghi con la persona che ami, ed è quello che è successo a me. Mio marito è una persona buona, è un gran lavoratore, fa straordinari senza retribuzione per farsi ben volere dal suo datore di lavoro. Io ormai ho un motto: - Chi ha poco, caro tiene – che vuol dire: se hai poche cose le tieni da conto! Questo motto mi accompagna sempre, anche quando vado a fare la spesa e non mi vergogno a dire che io vado con la calcolatrice. Ho imparato a far campare la mia famiglia, di 4 persone, con 80 euro per due settimane, ho imparato a comprare con 59 centesimi 4 pacchi di pasta corta e con 38 centesimi 2 pacchi di pasta lunga. Alle bambine, quando le voglio far felici, compro un sacchetto di patatine, la carne la possiamo mangiare solo 2 volte a settimana. Ho imparato ad andare a comprare i vestiti in un mercato e con soddisfazione sono riuscita a prendere tre completini per le bambine a soli 35 euro. Mentre per le scarpe mio marito ci tiene che siano di buona marca perché sono importanti per la crescita. A Natale mia figlia voleva a tutti i costi la casa di Frozen ma costava troppo e io le ho comprato la casa di Minnie a rate perchè costava meno. Quando mio marito torna a casa è talmente stanco che spesso si addormenta a tavola, questo mi fa molto arrabbiare e urlando gli dico che non ce la faccio più ad andare avanti così!

C'è Posta per Te - Chi poco ha, caro tiene

Ed è vero, siamo indietro con l’affitto della casa e se tutto andrà bene riusciremo ad estinguere questo debito di 1.500 euro in due anni e mezzo.”
Maria, sorridendo, si rivolge all’ospite d’onore dicendo: - Il motivo della tua presenza, Emma, è perché lui dice che la tradirebbe solo con te e ascolta sempre le tue canzoni anche se non ha neppure un tuo cd originale –
Emma è commossa da questa storia di assoluta povertà e decide di fare un dono non previsto, si toglie uno dei suoi anelli, lo porge a Valeria dicendo: “Questo anello non l’ho mai tolto, sta con me da più di 10 anni…da quando me lo sono regalato comprandolo a piccole rate. Era il periodo in cui pensavo che il destino non mi volesse bene e adesso non mi dispiace di staccarmi da questo piccolo gioiello che veramente ha fatto parte della mia vita fino ad oggi sperando che a te ti dia la forza e la positività di pensare che prima poi le cose cambieranno perché…devono cambiare!”.
Il postino Marcello si trova a Belpasso, in provincia di Catania, per recapitare la busta a Luigi, lo trova nella sua abitazione, un uomo giovane, alto, dall’aspetto forte che con un sorriso accetta l’invito.

C'è Posta per Te - Chi poco ha, caro tiene

In studio tutto è pronto per l’accoglienza, Luigi entra mascherando la sua timidezza, ammette di fingere e tutta la sua tensione compare alla vista delle foto che ritraggono i momenti più belli della loro vita insieme.
E’ molto sorpreso quando scopre chi c’è dall’altra parte della busta, ride e accetta di ascoltare le parole di Valeria che, emozionata, dice: “Amore mio, guardando e riguardando le immagini della nostra bella famiglia ho capito quanto ho rischiato di rovinare tutto. Sono stata ingrata e aggressiva nei tuoi confronti mentre tu hai continuato a darmi emozioni, amore e soprattutto mi hai regalato la famiglia che tanto desideravo. Sei tu che affronti ogni giorno i nostri problemi economici, sei un grande lavoratore, un grande papà e io invece di essere tua alleata sono stata la tua prima nemica buttandoti addosso la mia rabbia e le mie ansie. Per questo ti chiedo perdono…io non ti voglio perdere”.
Tre piccoli assistenti portano in studio alcuni secchi pieni di oggetti rossi mentre altri ne scendono dalla volta del teatro…una bimba si avvicina a Luigi per donargli un cappellino da babbo natale.

C'è Posta per Te - Chi poco ha, caro tiene

Maria comincia a leggere la lettera: - Quel cappelletto da babbo natale vale più di un diamante al dito, di una villa al mare, di un viaggio alle Maldive…quel pezzo di pannolenci è il simbolo di quanto tu sia speciale, buono, magico, adorabile. Ma è anche simbolo di quanto io sia stata per troppo tempo una compagna irriconoscente e incapace di sostenerti, sempre di cattivo umore e pronta a rimproverarti persino quando porti un ovetto di cioccolata alle tue bimbe. I soldi sono diventati un’ossessione tale per me che hanno offuscato il sentimento che invece provo per te, che è immenso, anche se mi comporto malissimo. Spero con tutte le mie forze che questa lettera non arrivi troppo tardi, che il tuo cuore possa azzerare tutto il male che ti ho fatto perché da stasera vorrei che, tornando a casa, non trovassi solo le tue figlie felici di vederti ma anche me sorridente ad accoglierti con affetto. Non sei tu il responsabile delle nostre sfortune, anzi ogni giorno ti armi di forza e di coraggio per andare a procacciare il massimo per la tua famiglia, ma ho tanta rabbia dentro per tutti i problemi economici che ogni giorno ci strangolano, per i sacrifici che facciamo e per la mancanza di stabilità. Quel cappelletto di babbo natale a me ha aperto gli occhi su tutti i miei errori. Ricordo quando mi hai chiesto di accompagnarti in quel negozietto che vende tutto a un euro e per un euro abbiamo portato a casa un completo da babbo natale,

C'è Posta per Te - Chi poco ha, caro tiene

dopo cena sei andato a travestirti e con una falsa voce hai fatto passare la notte più magica della vita, non solo alle tue figlie ma anche a me. Io non avevo fatto qualcosa del genere neppure da piccola, lo sai che disastro di famiglia ho alle spalle e mi commuove vedere quanto tu, nonostante i nostri guai, non perdi occasione per regalare un sogno alle tue figlie…e tu lo sai fare anche con un euro solo! Più passa il tempo più tu migliori nell’anima e nel cuore, hai la forza di un gigante pur remando sempre contro corrente e voglio dirti una cosa che non ti dico mai: Grazie per l’uomo speciale che sei! Ho trovato questo modo per farlo stasera con la promessa di rimetterti al centro della mia vita, perché tu sei la mia vita e io voglio tornare a viverla con te tenendoti per mano, dividendo insieme le nostre paure, infondendoti forza e ottimismo in nome dell’amore che ho per te –
Da altri secchi due piccoli assistenti tirano fuori pasta e barattolo di pomodoro e li portano a Luigi mentre Maria continua la lettura: - Facciamo la spesa al Discount sempre con la calcolatrice in mano per non rischiare di far brutte figure alla cassa, prendo sempre le stesse cose, sempre in offerta…non saremo i primi e nemmeno gli ultimi a badare al centesimo di questi tempi e siamo diventati così bravi che con ottanta euro riusciamo a fare la spesa anche per due settimane…carne alle bimbe due volte, uova poche perché troppe non fanno bene e a noi spesso è capitato di cenare con latte e biscotti,

C'è Posta per Te - Chi poco ha, caro tiene

e poi c’è sempre la pastasciutta che riempie e fa festa se ci metti un buon sugo! Abbiamo imparato a tirar dritto davanti ai negozi anche nei giorni di saldi, a non guardare le macchine belle, insomma abbiamo imparato a non accorgerci di nulla che non ci serva anche se lo noto come ci rimani male quando non puoi esaudire un desiderio della nostra piccola Miriam…ma se ora non si può, non si può! E’ solo per ora, mica per sempre! Tu sei un uomo onesto che sa fare tutto e vedrai che prima o poi qualcuno ti prenderà a lavorare con se e non ti mollerà più. E quel giorno potrai finalmente sederti a tavola con i padroni di casa, pagare tutti gli arretrati e comprare tutti gli ovetti di cioccolata alle tue figlie senza che io ti sgridi e tu ti sentirai nuovamente orgoglioso di te. Questo è il momento più duro della tua vita da capofamiglia, d’ora in poi può solo migliorare a partire da me e dal mio brutto carattere. Ti prometto che tornerò a farti i grattini che ti piacciono tanto, a mettermi il rossetto quando usciamo insieme, a farti trovare le bambine in ordine e con il pigiama quando rientri la sera a cena, ma soprattutto mi impegnerò a sostenerti perché a vedere sempre tutto nero si rischia solo d’impazzire mentre tu meriti i sorrisi della tua famiglia.

C'è Posta per Te - Chi poco ha, caro tiene

Chissà che effetto fa non avere problemi di soldi, noi ce lo siamo dimenticati, io vedo quanto ti affatichi giorno e notte fino a quando ti addormenti “con la faccia nel piatto” perché sei stanco morto! Quella stanchezza che non viene mai ripagata come dovrebbe perché in cantiere tu dai il massimo pretendendo il minimo e a breve potrebbe non esserci neppure più quello visto che c’è la crisi. Come se non bastasse, quando torni a casa, trovi me che sfuggo ai tuoi abbracci, che spesso dò di matto e in più non ti faccio sentire amato. Un giorno me lo hai proprio chiesto tu se mi piacevi ancora… una domanda terribile che mi rimbomba dentro e non mi dà pace. Io la risposta la so dal nostro primo bacio…tu mi piaci come nessun altro al mondo, amo i tuoi occhi verdi, le tue spalle larghe, le tue mani forti. Amo quando discutiamo e ti arrabbi per cinque minuti per tornare poi a guardarmi innamorato. Amo quando guidi e vuoi che metta la mia mano sopra la tua mentre cambi le marce, non ti meriti una Valeria sempre nervosa, ti giuro, amore, che quella la lascerò fuori dalla porta. E poi voglio tornare ad organizzarti una festa a sorpresa per il tuo compleanno, voglio vederti felice come al compleanno dell’anno scorso quando hai chiesto a tua madre di farti la torta con sopra la foto del tuo idolo…e che per fortuna non abita a Catania perché tu dici sempre che per lei faresti follie!

C'è Posta per Te - Chi poco ha, caro tiene

Bene Luigi, guarda le scale mentre io mi giro dall’altra parte…mi raccomando però non gioire troppo perché sempre sicula sono e già sento che mi “sale il calore”! -
Emma, dopo averlo abbracciato con entusiasmo, chiede il permesso a Valeria per dire: “Mi ha fatto molto sorridere che hai voluto la torta con la mia faccia…ovviamente ti farò avere tutti i miei dischi!” Luigi supera la timidezza e riesce ad esprimere tutta l’ammirazione che prova per la sua cantante preferita, Emma ci scherza sopra, lo provoca… ma poi si fa seria e dice: “Scherzi a parte, io credo tu sia un uomo veramente forte, la vostra storia è bellissima e la prima cosa che ho pensato è a quelle persone che hanno tanto, tra quelle mi ci metto anch’io, ma alle quali manca la cosa più importante…l’amore, quello vero! Hai avuto anche la sensibilità di capire perché Valeria dà di matto, forse anche io mi sarei comportata come lei perché non credo che sia semplice vivere come state facendo voi. Mi auguro che la vita vi ripaghi di tutti i sacrifici che avete fatto fino ad oggi perché voglio assolutamente pensare che il bene deve tornare dove c’è il bene e non sempre il contrario! Voglio sperare che per una volta il karma faccia il giro giusto e vada dalle persone che veramente se lo meritano! Adesso…possono arrivare tutti i miei bambini?” Una piccola flotta di assistenti, con le mani colme di regali,

C'è Posta per Te - Chi poco ha, caro tiene

si dirigono verso la coppia portando bacinelle piene di pacchetti colorati, scatole di giochi, la casetta di Frozen e via di seguito…arriva anche un vinile da collezione solo per Luigi e dei biglietti per il concerto che Emma farà a Catania…ma non finisce qui, un secchio speciale cala dal soffitto con dentro un regalo segreto solo per loro!
Maria sorride soddisfatta, chiede a Valeria se vuole aggiungere qualcosa, la giovane donna ce la fa appena a promettere ancora che cambierà e Emma promette che se Luigi aprirà la busta canterà per loro. L’abbraccio è pieno di passione tra la giovane coppia mentre la nostra sensibile e frizzante cantante intona il suo ultimo successo “Effetto domino” dedicata esclusivamente a loro!

Gabri B.