C'e' posta per te

Le altre storie... C'è Sanremo per Te

Puntata del 25/02/17

Le altre storie... C'è Sanremo per Te

Correlati

 

Maria saluta allegramente il pubblico annunciando che questa volta dovrà presentare prima i destinatari della posta che sono: Simona Ventura e Rocìo Munoz Morales per poi accogliere il mittente della posta: LUCIANA LITTIZZETTO…anche se non sa ancora perché le abbia volute qui questa sera!
Mentre il pubblico applaude già divertito entra il “ciclone Luciana” con appesa al collo una scatola da bibitaro contenente i “portachiavi di Maria”, comincia a distribuirli a mucchi dicendo: “Che tu sia benedetta Maria…ora vado avanti così come hai fatto tu a Sanremo”, continuando a rassicurare il pubblico che ce ne saranno per tutti. Finita la distribuzione, finalmente si avvicina a Maria per salutarla così: “E scusami eh, sei andata a lavorare in Rai e io sono venuta a lavorare qua a Mediaset e faccio anche un po’ più veloce di te…ti piace il portachiavi? Sei molto gnocca tutta bella plastificata! Dicevo sono venuta qua in questi 15 giorni che tu sei stata a Sanremo e ne ho fatte di tutti i colori…ho pulito gli studi, ti ho allisciato il cane, ho consegnato le buste! E’ sempre bello essere tornata, è sempre una gran “figata” e poi Maria mi piaci tanto perché sei molto empatica con gli ospiti…senza un minimo di preliminari…non voglio pensare durante l’intimità!!

Le altre storie... C'è Sanremo per Te

Comunque adesso come ti senti, regina di Sanremo? Ce la menerai all’infinito ora che sei diventata l’orchidea gialla di Sanremo…che poi hai fatto C’è posta a Sanremo senza far piangere nessuno! E poi volevo sapere: ai cantanti avete consegnato le buste uno per uno citofonando prima? Devo dire che hai fatto la tua porca figura anche nei confronti di Carlo Conti che sembrava il tuo valletto…si è addirittura sbiadito, l’ultima sera, invece di essere nero Senegal… era mulatto!”
Continuano le sue prese in giro anche sull’aspetto fisico della conduttrice, elenca i suoi lati più sexy chiedendole perché non li mostra mai come fanno altre colleghe e poi spiega il motivo della sua presenza: “Sono venuta qua e ho chiamato le altre reginette di Sanremo per valutare con loro la tua prestazione…per vedere se “Tu si que vales” o se “Tu si que non vales” e ora vediamo la consegna della lettera”.
Luciana prende la solita postazione di Maria e con tanto di cartellina in mano la imita nella voce e nella camminata definendola da “alpino” per poi guardare la consegna.
Il postino Maurizio, prima di partire sulla sua bicicletta, spiega: “Ora mi trovo a Roma per consegnare la posta alla bellissima Rocìo poi volerò a Milano per consegnare l’altra busta a Simona Ventura”.

Le altre storie... C'è Sanremo per Te

Rocìo la trova in un bar del centro, scherzano, chiacchierano allegramente e la prima busta viene accettata. In un negozio di abbigliamento a Milano si avvicina a Simona Ventura e anche lei, dopo aver amabilmente scherzato, accetta l’invito.
Maria, in studio, raccomanda a Luciana di rimanere in silenzio rispettando le consuete regole del programma, la mattatrice sbuffa e le fa il verso e poi si sdraia sul pouf come se fosse stufa dei lunghi convenevoli tra le tre star che stanno piacevolmente colloquiando, fa segno con le mani di “stringere” e appena il monitor della busta si apre dice: “Non posso parlare, io vorrei ma Maria dice che non si può!”
Le due ospiti le danno il permesso e finalmente Luciana può dar sfogo alla sua…simpatia: “Oh, finalmente, vi volevo ringraziare per essere venute qui questa sera al “capezzale” di Maria, esausta dopo Sanremo, io lo so che avete dovuto lasciare sul pezzo i vostri merli maschi ma vi prometto che faremo una roba veloce. Intanto volevo ringraziare subito la Ventura…fate un applauso perché è sempre uno spettacolo…sorride sempre, non come te che sembra che ti rompi sempre i “marroni” - rivolta a Rocìo, ma si allarga subito in complimenti – Lei è fantastica, guarda lo stile, l’eleganza, la classe…tutte cose che noi non abbiamo, vero Maria?

Le altre storie... C'è Sanremo per Te

Vicino a lei mi sento un pastore afgano, il cane, ma raccontaci di Raoul Bova, non è che te lo porti in Spagna perché ormai ne abbiamo pochi di maschi etero in Italia! Raccontaci qualcosa di lui…qualcosa di intimo…è più mazza da baseball o pepiera da pizzeria?” - Maria è piegata in due dalle risate, come tutti peraltro, e Luciana cambia argomento: “Allora, ragazze, io vi ho chiamato qui per le prestazioni di “Bloody Mary” e per giudicarla in tutte le sue prestazioni sanremesi, dovremo dare il nostro giudizio…cominciamo dal tema scale, perché noi tutte ci siamo “sugate le scale”, lei, la bella figa di Parigi, non ne ha fatta neppure mezza…scusa eh, ma lei va in montagna, scende nei dirupi e poi non scende le scale? Per esempio Rocìo scendeva le scale con una scioltezza, con un’eleganza…a bava di lumaca, morbida, come petali di rose…vediamo il video…brava, brava! Allora le donne a Sanremo devono fare le scale, quello devono fare, non fanno un “c…” solo le scale! – Si susseguono vari RVM con varie perfomances di ingressi di Maria sul palco dell’Ariston dove evita sempre di fare le scale e Luciana per punizione chiede di far entrare in studio una scala e le chiede di provare a scenderla come si deve!

Le altre storie... C'è Sanremo per Te

E’ tutto da ridere…la malcapitata prima si rifiuta poi con l’insistenza di Luciana e gli applausi di tutti ci prova…insomma, ma ce la fa! Il commento di Luciana è: “Sei molto sensuale… e allora vuoi scendere anche dal pouf tanto che ci sei? Allora facciamo entrare la scala dei cani…ora devi salire e poi buttarti con un salto dal pouf, vuoi che chiami soccorso?”. Superata anche questa prova Simona Ventura dice che la cosa che più l’ha divertita è stata la faccia di Maria quando a Sanremo c’erano i comici ma Luciana chiede di parlarne dopo perché anche lì ci sono delle bastonate in arrivo e preferisce approfondire un altro argomento: “Non ti sei sbattuta per niente, ora capisco perché non ti sei fatta pagare…non hai fatto una mazza, stavi lì ferma così…vogliamo parlare di come fa gli applausi Maria De Filippi? Vediamola nel video…un disastro, ma che applausi sono?” Maria ammette e Luciana continua: “Ogni tanto sembravi quelle persone che stanno in coda in pescheria, che hanno preso il numero e poi stanno lì ad aspettare…per non parlare degli annunci delle canzoni, son tutti capaci a farli e adesso ti faccio vedere…ho preparato un annuncio e ora vorrei farlo leggere a qualcuno,

Le altre storie... C'è Sanremo per Te

magari a una signora un po’ rintronata ecco qua, lei ha alzato la mano e allora si alzi in piedi e faccia vedere a questa “balengha qua” che è facile”.
La signora imbarazzata trova qualche intoppo nella pronuncia dei nomi ma ce la fa, Luciana è molto soddisfatta dice che è proprio uguale alla presentatrice e propone di vedere i filmati di Maria dove leggeva il gobbo a Sanremo…un disastro e tutti ridono! Simona la difende ma Luciana non demorde e insistendo sulla fatica che si deve fare se vuoi presentare un festival chiede di far vedere i video dei suoi travestimenti proprio in quella occasione, tra le varie gag compare l’imitazione della Carrà, spettacolare, e propone di rifarla in studio però…tutte e quattro insieme! E sulle note del brano “Rumore”, costrette ad indossare improbabili parrucche bionde e sovvertendo tutte le regole della trasmissione la busta si toglie per lasciar spazio alle quattro protagoniste che si esibiscono in una danza frenetica fino ad inginocchiarsi per terra…Maria, questa volta, si impegna a tal punto da essere proclamata la più brava! “Passiamo agli abiti – continua Luciana – Non è che ti sei “torronata” tanto,

Le altre storie... C'è Sanremo per Te

sembravi più la monaca di Monza, tutta castigata, senza mostrare mai neppure le tette invece Simona che ha delle signore tette ha fatto vedere delle scollature pazzesche…guarda che roba, delle coppe che se le riempivi di vin brulé potevi dar da bere a tutta la brigata taurinense! Oppure, altra possibilità, potevi vestirti come Arisa…modello gattara, certamente più comodo!” Dopo uno stacchetto carino sulla quantità di caramelle che Maria riesce a mangiare durante le trasmissioni, Luciana torna a parlare di Sanremo, in particolare della prima serata quando Maria si è imbarazzata per paura che si vedesse la sua biancheria mentre stava seduta e da lì parte una piccola indagine sul tipo di mutande abitualmente usate dalle protagoniste di questa serata…il tanga per Simona e Rocìo…le ascellari per Luciana e Maria…come due vecchie befane! Votazioni per il Look della presentatrice…9+ per Rocìo, dal 7 all’8 per Simona che l’avrebbe voluta più scollata…aggiunge Luciana: “Non vestita come un carabiniere!”
Le gag continuano sulla distrazione di Maria e sulle amicizie acquisite nell’occasione… solo una nuova amicizia: lo scimmione di Gabbani! Per non parlare dei sorrisi “spontanei”, tutti sempre uguali!

Le altre storie... C'è Sanremo per Te

Continua inesorabile Luciana: - Ma a un certo punto c’è stato il risveglio e Maria ha cominciato a baciare a destra e a manca…è partita di limonage…vediamo i filmati, gli era partito l’ormone con molti ospiti fino ad arrivare a rimanere senza fiato, come un pesce fuor d’acqua, dopo il bacio di Robbie Williams! -
Luciana è pronta per qualche altra sorpresa delle sue, invita le ragazze a raggiungerla senza rispettare la liturgia del programma, Maria finge di inquietarsi e lei obbediente fa la domanda che poi consentirà l’apertura della busta per poi chiedere: “Possiamo dire che Maria Vales o che non Vales una Mazzas?”
Naturalmente la risposta è affermativa e tra gli applausi la busta scivola via, il conciliabolo e gli abbracci tra le quattro donne è effervescente ma Lucianina si fa seria e ci tiene a dire: “Una cosa sola è mancata a Sanremo e noi siamo qui per rimediare, non abbiamo sentito l’unica, la sola frase che ci fa sentire davvero uniti e davvero italiani: “Dirige l’orchestra il maestro Peppe Vessicchio!” Maria è stupita, davvero non se lo aspettava di vederlo scendere dalla scala,

Le altre storie... C'è Sanremo per Te

tutti lo acclamano con affetto mentre Luciana continua così: “Voglio fare un appello a reti unificate…propongo un prossimo Sanremo dove Peppe se la canta, se la suona e se la dirige tutta da solo…ascolti al 96%, share a 1000, Rai campione del mondo, Trump impazzisce, butta giù il muretto di Alassio, ripudia Melania e si sposa con una mussulmana in seconde nozze! Vessicchio è come la pasta vongole e bottarga, te lo mangeresti pure servito sulla pelata di Zerbi!”
Maria applaude correttamente con i complimenti di Luciana che la incita: “Brava, brava, lo vedi che ce la puoi fare anche tu!” e poi congeda i suoi ospiti con quattro abbracci veramente affettuosi.

Gabri B.